E’ la Cappella più antica della Villa ed era la Cappella Gentilizia della Famiglia Morigia, dove San Carlo, che in diverse occasioni venne in Villa Morigia, pregò e celebrò la Santa Messa.

Carlo Borromeo amava raccogliersi in preghiera davanti ad una tenera immagine della Vergine con il Bambin Gesù;
immagine che si trova tuttora nella Cappella. Egli stabilì l’indulgenza di trenta giorni per chi pregava piamente, l’immagine della Madonna.
In questa stessa cappella,

un espressivo dipinto ricorda proprio San Carlo raffigurato mentre contempla il Crocefisso, commosso fino alle lacrime: un’immagine quanto mai preziosa.
Si tratta della copia di un quadro del 1600 che si trova a New York al Metropolitan dove l’angelo non presenta il crocefisso ma presenta il Chiodo conservato in Duomo.


La Cappella è ricca di marmi, decorazioni, quadri.

.